Formazione Life & Business

L'adolescenza è caratterizzata da una tempesta ormonale ed emotiva, il ragazzo si ritrova a vivere un uragano di emozioni mai sperimentate prima, in questa dinamica sono travolti gli stessi genitori che a volte si trovano impreparati o piuttosto con uno zaino pieno di strumenti non più adatti ai nostri tempi. In passato bastava l'autorità e lo sguardo duro paterno per sollecitare un comportamento adeguato alle aspettative familiari, soprattutto i genitori erano certi di cosa fosse giusto o sbagliato, invece oggi gli adulti si sono messi ad imparare il mestiere, non imitando i loro stessi genitori, ma cercando di capire cosa fosse meglio per il figlio per sostenerlo nella crescita affettiva, emotiva e sociale. Cambiamento di ruolo che fa nascere dentro di sé domande, dubbi e incertezze, tutto ciò è reso ancora più arduo dal fatto che viviamo in una "società liquida" (Bauman). Oggi il genitore si chiede che tipo di modello deve incarnare affinché il figlio cresca forte e sereno. Si domanda se hanno ancora valore punizioni, conflitti, fermezza educativa oppure ci può essere anche spazio per la comprensione, giustificazione, ascolto. Si interroga se frustrazione, regole e valori che provengono da un contesto culturale del passato possono convivere con l'accudimento, l'aspirazione a farsi obbedire per amore più che per paura delle sanzioni. Ogni genitore desidera avere figli "felici" ed ecco che quando pensa di aver raggiunto questo ambizioso obiettivo ecco comparire sulla scena ingratitudine e recriminazione da parte dell'adolescente, lasciando l'adulto nella confusione e nello sconcerto.


Il coaching genitoriale è un percorso di sostegno rivolto ai genitori che desiderano pensare e confrontarsi sulle difficoltà di relazione e di comunicazione con i propri figli, elaborare nuovi e più efficaci strumenti per realizzarsi in un ruolo genitoriale più efficace e soddisfacente, riattivare e mettere in funzione una competenza genitoriale esistente ma nebulosa.